Oggi 3 Agosto 2022, a Balaka in Malawi, abbiamo inaugurato “L’asilo di Alice” donatoci dalla Famiglia Mazzarello per tener viva la memoria della figlia Alice che amava molto i bambini e che è stata colpita un anno fa da un grave tumore. L’asilo sorge nel distretto di Mpzeni uno dei più poveri della città, sarà totalmente gratuito e ai bambini verranno forniti colazione e pranzo cinque giorni a settimana fondamentale in questo momento di grande povertà dovuta alla crisi da Covid-19 e alla guerra in Ucraina. Anna Repetto, madre di Alice, dice nel suo discorso di inaugurazione: “Abbiamo trovato in Sant’Egidio degli interlocutori esperti che ci hanno aiutato a realizzare tutto ciò, ma soprattutto ci hanno aiutato nella spiritualità condividendo con noi questo dolore, da cui però nascerà tanta gioia per questi bambini”. All’inaugurazione erano presenti più di 200 persone tra bambini, famiglie, capo villaggio, diocesi e i membri della comunità di Sant’Egidio di Balaka e Genova. Padre Gamba, responsabile della Missione dei Padri Monfortani, ci ringrazia dicendo: “Sant’Egidio è la chiesa in uscita che sogna Papa Francesco. Grazie a loro qui a Balaka vengono realizzati tanti sogni, questo sarà il luogo dove i nostri bambini impareranno, verranno protetti e sarà donato loro un seme di pace”. Tra i tanti ringraziamenti avvenuti tra la benedizione e il rinfresco anche il Capo Villaggio esprime la sua gratitudine e dice: “Sant’Egidio sta realizzando tanti dei nostri sogni, dalla casa per gli anziani al nuovo asilo, grazie anche alla famiglia di Alice che ha permesso di condividere con loro tutto ciò”. Questo asilo sarà per Balaka, un faro nella notte, in un paese in cui il tasso di istruzione è ancora molto basso ed è solo alla portata dei ricchi, qui la maggior parte delle scuole è privata e più del 60% dei bambini abbandona gli studi prima della terza media. Potipher Magombo responsabile di Sant’Egidio a Balaka dice: “ Dobbiamo essere grati di questa gioia, perchè la cerimonia di oggi riguarda tutta Balaka, l’istruzione di questi bambini non è solo un loro diritto ma un dovere di tutti noi. Questo asilo è stato costruito su una pietra forte, che è la Comunità e che non crollerà mai.”à