EVENTI

Il contagio della solidarietà

Raccolta pacchi alimentari a Coronata

Nel tempo del Coronavirus, tempo di distanze e per molti anche di isolamento, le energie di bene non si fermano. La distanza fisica lascia spazio a una “vicinanza umana” in grado di accorgersi del bisogno degli altri e al tempo stesso di trovare soluzioni creative e concrete di aiuto.

Questo è quello che ha vissuto Ilham. Lei, giovane donna nata in Marocco e accolta in Italia quando era piccola, ha sentito il bisogno di dare il proprio contributo e non restare indifferente di fronte al bisogno degli anziani e di quanti oggi cercano un sostegno.

Raccolta pacchi alimentari a Coronata

Ma le energie di bene non nascono mai per caso, sono frutto di amicizie cresciute nel tempo e legami di fratellanza. Una fratellanza davvero “universale” , capace di unire -in questo caso – cristiani e musulmani.

Ilham questo lo vive da moltissimi anni, nell’amicizia con noi, giovani della Comunità di Sant’egidio, un’amicizia fatta di incontri personali, visite agli anziani dell’istituto San Raffaele. E poi la scuola della pace, che suo figlio frequenta da sempre.

Raccolta pacchi alimentari a Coronata

Oggi Ilham ha deciso di aprire le porte del suo negozio di parrucchiera, ormai punto di riferimento nel quartiere di Coronata, per organizzare una distribuzione alimentare e rispondere al bisogno di tanti. Un pacco ricco, in cui non mancano cioccolatini, per augurare – anche in questo tempo – buona Pasqua ai bambini chiusi in casa. Una lista con i nomi accuratamente compilata e un sorriso colmo di affetto e simpatia umana. Questi gli ingredienti della distribuzione alimentare che ha visto consegnare 30 pacchi e regalare una luce di speranza in questo tempo incerto.

Raccolta pacchi alimentari a Coronata

Le energie di bene si contrappongono al virus perché in grado di generare un “contagio” positivo: dall’amico fruttivendolo pakistano che dona parte della sua frutta e verdura per la raccolta, alle due signore del palazzo che, affacciandosi dal balcone e vedendo quello che stava accadendo, sono scese per donare quanto avevano in casa, condividendo il sorriso di chi sente di aver fatto la propria parte.

Oggi scopriamo ancora una volta e con più chiarezza quanto costruire ponti e intrecciare legami di amicizia siano il futuro e la strada da seguire.

Condividi con: